Come Stimare Consumi Elettrici

Questa guida si propone di aiutarvi a stimare le spese mensili e annuali di corrente elettrica. Il prezzo per kwh preso in considerazione è di 0,15€ ma varia a seconda della propria compagnia, alcune arrivano anche a 0,10€!

Cominciamo con l’illuminazione dell’abitazione, che rappresenta, almeno nelle ore più buie quasi indispensabile! Con i suoi 200 wh e considerando un tempo medio di 4 ore di illuminazione, ci costa circa € 43,80 all’anno, ovvero € 3,65 mensili.

Passiamo ai televisori, o meglio ai nuovi televisori lcd. Per molti di voi non sarà una sorpresa, ma il loro consumo è davvero notevole! Un lcd di 42″, infatti, con i suoi 250 wh e considerando un tempo medio di utilizzo di 5 ore, costa circa € 5,70 al mese, ovvero € 68,44 all’anno

E i sistemi hifi o dolby spesso associati a televisori o computer? Beh, con un utilizzo medio di 5 ore al giorno, che spesso vengono superate facilmente, ci pesano per circa € 49,28 annui, ovvero € 4,11 mensili

Avete in casa qualche piattaforma per i giochi (xbox 360 o ps3 o wii?). In questo caso i consumi non sono notevoli e considerando un utilizzo approssimativo di 2 ore, costano in media € 18,07 all’anno, insomma, soli € 1,51 al mese

Un caricabatteria invece? Vi capita qualche volta di lasciarlo connesso per ore e ore? Sapete che continua a consuma ugualmente anche senza dispositivo connesso? Certo, è un consumo minimo, ma considerando l’intero arco della giornata, potrebbe acquisire un certo peso!

Insomma, tornando a noi e ai nostri numeri, un carica batteria con un consumo medio di 15 wh e connesso per circa 6 ore, costa all’incirca € 4,93 annui, ovvero € 0,41 al mese. Ma lasciandolo collegato per 24h, arriva a consumare il quadruplo.

Prima di addentrarci tra le note dolenti di ferro, forno o lavatrice, consideriamo un’altra piccola fonte di consumo, spesso ignorata: lo standby degli elettrodomestici. In cui rientrano tranquillamente casse del computer non utilizzate, spie del televisore accese o altre minuzie simili!

Un qualunque elettrodomestico in standby riduce enormemente il proprio assorbimento energetico, ma ciò non significa che lo annulli! Vogliamo considerato un tempo medio di standby di 8 ore? Grava sulla nostra bolletta all’incirca per 8,76 € annui, ovvero € 0,73 mensili!

Vogliamo passare agli elettrodomestici per antonomasia? Cominciamo dalla lavastoviglie. Fortunatamente in questo caso i tempi di utilizzo sono ridotti a solo 1 ora! In ogni caso, con i suoi 1300 wh ci costa circa € 71,18 annui, ovvero ben € 5,93 mensili!
Lo stesso dicasi per forno elettrico, combinato o lavatrice, i cui consumi, considerando sempre una sola di utilizzo al giorno, si aggirano intorno ai 6 € mensili, ovvero 70/80 € annui. Naturalmente considerando un loro utilizzo quotidiano.

Non può mancare, insieme a lavatrice e forno, anche ferro da stiro! Infatti, un ferro da 1250 w (considerate che ne esistono di ben più potenti, oltre i 2000w se con caldaia), ci costa circa 5,70 € mensili, ovvero € 68,44 annui. Particolare attenzione deve essere fatta con l’asciugatrice, i vecchi modelli a resistenza hanno infatti consumi molto elevati. In questi casi è fondamentale preferire un’asciugatrice a pompa di calore, dispositivi che arrivano alla classe A+++ e permettono di raggiungere consumi di appena 1,3 kWh per ciclo.

Per finire non pensiate che abbia dimenticato i nostri cari e utilissimo computer portatili! Ma qui la sorpresa vi lascerà davvero senza parole! Ebbene si, consuma pochissimo! Un notebook medio, con i suoi soli 25 wh e un utilizzo medio di 4 ore al giorno, ci costa appena € 5,48 annui, ovvero € 0,46 mensili!

Avrei potuto continuare con altri 10000 oggetti, ma mi sembra di aver ricoperto un vasto campo e in media, forse, aiutato molti a quantizzare il costo mensile dei propri elettrodomestici. Le variazioni, ripeto, potrebbero essere minime, legate per lo più alla socità elettrica.

Lascia un commento