Come Scegliere un’Estrattore di Succo

I benefici nutrizionali derivanti dal mangiare frutta e verdura sono innegabili, ma per quanto riguarda berli, invece? Tale questione ha portato ad un aumento dell’acquisto di centrifughe o estrattori di succo per portare il succo dell’esperienza del bar a casa. Questi succhi hanno la capacità di alleviare dolori muscolari, alleviare la pressione alta, e anche aumentare la potenza sessuale. La cosa importante è che questi prodotti possono essere meno o più nutrienti a seconda se, gran parte della fibra alimentare sia stata rimossa nel processo oppure no.

Detto questo, un estrattore di succo può certamente aggiungere sostanze nutritive alla vostra dieta quotidiana. Ma solo se si utilizza regolarmente. Alcuni modelli sono complicati da usare e difficili da pulire e spesso finiscono per essere accantonati. In questa guida mettiamo a disposizione alcuni consigli utili su come scegliere il dispositivo giusto. Nella guida non facciamo riferimento a modelli specifici, per recensioni è possibile fare riferimento a questo sito sugli estrattori di succo.

 

Due tipi di estrattori di succo da considerare

La cosa importante da tenere presente quando si sceglie un estrattore di succo è la sua struttura, in quanto comunque la forma e il suo ingombro diventano degli elementi interessanti e importanti da prendere in considerazione per garantirne un uso quotidiano oppure no.

Esistono due tipologie di estrattori di succo e sono in particolare quelli verticali e quelli orizzontali, in base al modo in cui si sviluppano e quindi il modo in cui potranno, poi dare luogo al tipo di succo desiderato. Gli estrattori di succo di tipo verticale, ovviamente si espandono in altezza e sono molto diffusi anche perché occupano meno spazio e sono più facili da pulire mentre invece, quelli orizzontali sono un più ingombranti e hanno un design più pesante.

Gli estrattori a coclea

Gli estrattori in stile a coclea, a volte sono indicati come masticatori che tendono a schiacciare i prodotti. Sono in genere più costosi, e possono anche richiedere tempo per abituarsi nell’uso visto che la coclea può incepparsi con la macinazione di frutti duri e verdura. Per questo motivo, il vantaggio di questo prodotto è che tende a lasciare la polpa più ricca di fibre nel succo.

Poi ci sono anche i propri estrattori di succo, a volte chiamate centrifughe, questi tipi utilizzano un disco turbinante che si muove rapidamente per tagliare frutta o verdura in piccoli pezzi che vengono poi filati per separare il succo dalla polpa. Il succo è poi filtrato e scorrerà in un recipiente. Alcuni estrattori, in particolare quelli che richiedono lo smantellamento totale, possono essere difficili da pulire. In generale, gli estrattori anche tendono a rimuovere più fibra dal succo di un modello a coclea.

 

Espulsione della polpa

Alcuni estrattori di succo compatti, raccolgono la polpa in un cestello interno, ma la maggioranza degli altri espellono all’esterno la polpa della macchina in un contenitore che è specificamente dimensionato per questo. Si consiglia l’acquisto di una centrifuga che espelle la polpa esternamente perché questo consente di effettuare grandi quantità di succo di frutta senza dover prendere tempo per fermare il vostro estrattore di succo, aprirlo, e svuotare il cestino. Una volta arrivati alla spremitura, non si vogliono avere motivi per cui fermarsi prima di finire.

Velocità multiple

Avere più velocità permette di estrarre il massimo succo dai vostri prodotti. La bassa velocità è buona per la spremitura di piccoli frutti, come l’uva e il melone, e l’alta velocità è meglio per la frutta e verdura più solide, come mele.

Dimensione del tubo di alimentazione

Si devono anche distinguere le dimensioni del tubo di alimentazione: si risparmia tempo di preparazione selezionando un estrattore di succo con un tubo di alimentazione ampio con frutti più integrali e verdure facilmente adattabili. Circa 5 centimetri di larghezza è l’ideale.

Caraffa per il succo

Cercare un modello che ha un contenitore di succo abbastanza grande per fare grandi lotti di succo di frutta, circa uno o due litri sono l’ideale deve anche trovare uno che distingua la quantità di liquido in esso in modo da poter vedere esattamente quanto succo si sta facendo.

Avvolgicavo

Gli estrattori di succo sono grandi in modo che possano prendere un sacco di contatori o spazio in armadio. Bisogna trovarne uno con avvolgicavo in modo che possa facilmente essere nascosto. Anche gli estrattori di succo con lunghe corde in genere, hanno un modo per nascondere il cavo quando non si sta utilizzando l’unità.

Parti lavabili in lavastoviglie

Il vostro estrattore di succo deve essere lavato dopo ogni utilizzo, in modo da contribuire ad accelerare i tempi di pulizia trovando una centrifuga con alcune parti lavabili in lavastoviglie, l’unità principale con il motore deve sempre essere pulito a mano.

Assicurarsi che sia un estrattore di succo

Troppo spesso, un estrattore di succo viene confuso con un frullatore. Sono due cose completamente diverse e in quanto di tratta di due differenti utensili da cucina, è importante capire le loro differenze.

Un fattore da tenere in considerazione riguarda proprio le dimensioni e la maneggevolezza di questi prodotti. L’estrattore di succo infatti deve essere il più maneggevole possibile in modo tale da garantire di non occupare troppo spazio sia in termini di superficie di lavoro, ma anche quando poi si andrà a depositarlo a fine stagione. Un’altra cosa che bisogna considerare è il peso di questi oggetti che deve essere al massimo di 6 kg e non deve essere troppo pesante altrimenti può diventare difficile da maneggiare.

Come già accennato in precedenza, le misure del tubo di alimentazione sono molto importanti per questo tipo di prodotto che deve essere sempre almeno di qualche centimetro in modo tale che si può inserire il cibo all’interno senza dover per forza tagliuzzare i prodotti in tanti piccoli pezzi per mancanza di spazio. Gli estrattori di succo inoltre devono avere una buona capacità di estrazione, ovvero devono avere la massima quantità di scarto ed è ancora meglio, se hanno una vaschetta esterna in cui viene depositata la polpa, altrimenti, sarà impossibile davvero e sarà anche fastidioso interrompere sempre questo tipo di attività ogni volta che si riempie la vaschetta a disposizione del prodotto.

Risulta essere importante prendere in considerazione le prestazioni di un estrattore di succo che deve essere molto alta per garantire un succo che sia buono e che abbia all’interno tutti i principi nutritivi necessari. Bisogna precisare che l’estrattore di succo non si serve dell’alta velocità per sminuzzare, oppure per ridurre gli elementi, ma piuttosto li sminuzza, grazie a una coclea. Una volta sminuzzato e praticamente masticato il cibo, gli estrattori di succo producono un succo che viene scartato, espulso in un contenitore.

La coclea e la velocità

Ovviamente la coclea può essere di varie dimensioni e di vari tipi ed è possibile, sia trovarne alcune, che siano sviluppati in verticale ma anche altre che siano sviluppate in orizzontale a seconda del modello che si sceglie. Bisogna capire che tipo di prodotto si sta acquistando e soprattutto per capirne le prestazioni, bisogna considerare i giri al minuto. Più basso sarà il numero di giri al minuto compiuti dall’estrattore di succo più intensa sarà la spremitura. Il numero di giri al minuto che questo tipo di prodotti possono compiere è variabile tra i 40 circa per i prodotti di fascia alta e gli 80 per i prodotti di fascia inferiore, che sono comunque validi. Nel mezzo, ci sono i prodotti da circa 60 giri al minuto, che hanno prestazioni e costo di livello medio.

Il metodo

Non è neanche giusto pensare che l’estrattore di succo più è lento e più lascerà delle sostanze nutritive quello che è vero è che la lentezza ovviamente espone il succo che si sta realizzando ad un rischio di ossidazione inferiore e quindi crea minore schiuma ed un prodotto decisamente migliore. Un’altra cosa molto importante è capire quali sono i tempi di lavorazione utilizzati da un estrattore di succo che per essere positivo dovrebbe lavorare almeno 30 minuti consecutivamente mentre

alcuni modelli più economici hanno una durata consecutiva di massimo 10 minuti e attendono la necessità di aspettare almeno 20 minuti dopo l’utilizzo.

Usi e praticità

Alcuni elementi inoltre da prendere in considerazione riguardano quei piccoli fattori che possono essere prendere gli estrattori di succo pratici per l’uso. In particolare gli estrattori di succo devono essere facili da assemblare in modo tale che possono essere montati e smontati facilmente così da poterli utilizzare sempre più spesso. Risulta essere anche importante che gli estrattori di succo abbiano dei beccucci dei tappi anti goccia che possono chiudere le estremità da cui proviene il succo per evitare dei fastidiosi riversamenti sulle superfici di lavoro.

Infine è importante che gli estrattori di succo abbiano dei motori non molto rumorosi perché altrimenti potrebbero essere fastidiosi nell’utilizzo ed inoltre è importante anche che abbiano dei piedini antiscivolo in modo tale da non farli muovere nel momento in cui arrivano alla massima velocità.

I materiali

Quando si decide di acquistare un estrattore di succo bisogna tenere in considerazione qual è il materiale con cui è stato realizzato ed in particolare si deve scegliere un materiale che sia positivo soprattutto per quanto concerne la durata e la facilità con cui può essere pulito. Gli elementi più sensibili sono la coclea ed il filtro mentre invece le altre parti è bene che siano realizzate in acciaio inox mentre alcune parti devono essere realizzate in plastica oppure in vetro ed èl bene che vengano lavate anche in lavastoviglie.

Lascia un commento