Come Colorare i Mobili

Non c’è niente di meglio che comprare un mobile grezzo e poi colorarlo e dipingerlo con i colori e le rappresentazioni figurative che più si desiderano. Se sei brava nel disegno e ti attira molto l’idea di creare un qualcosa con le tue mani, apprezzerai la mia guida.

Per prima cosa, occorre che tu riuscissi a capire se il mobile che hai davanti a te, è un mobile totalmente grezzo cioè, privo di vernice, o se ne hai acquistato uno in fase di restauro e che presenta delle parti “vuote” ancora da dipingere. A seconda dei due casi, devi intervenire in modo differente.

Se hai un mobile totalmente sverniciato, pulisci minunziosamente il legno da mordenzare perchè così facendo eviterai di avere un assorbimento non unifome della pittura. Applica successivamente il mordente con un pennello piatto. Ti consiglio di utilizzarne uno ad alcool o ad olio (anche se in quest’ultimo caso, dovrai aspettare almeno 48 ore prima di passare alla verniciatura) e mai quello ad acqua perchè il legno lo assorbirebbe troppo e potrebbe gonfiare. A completa asciugatura, applica con passate uniformi la vernice all’anilina.

Se vuoi colorare un mobile da restauro con parti vuote, devi carteggiare accuratamente la parte da trattare e preparare una soluzione di terre colorate e acqua calda. Cerca di arrivare, in base al numero di diluizioni, ad un colore simile a quello già esistente. Ti consiglio di fare delle prove a parte su un pezzo di legno, prima di scegliere la gradazione giusta. Applica il preparato con una piccola spugna seguendo le venature del legno e cercando di evitare sovrapposizioni di colore. Se ti accade, tira via il colore in eccesso con un panno asciutto e pulito.

Lascia un commento